Santuari Francescani: tra natura, silenzio e spiritualità

assisi

Cari avventurieri spirituali, preparatevi ad immergervi nelle radici della spiritualità francescana con un viaggio indimenticabile attraverso alcuni dei santuari più suggestivi d’Italia.

I santuari francescani sono luoghi di preghiera pregni della spiritualità francescana: in questi luoghi, infatti, proprio San Francesco d’Assisi passò, soggiornò, pregò e cambiò la storia.

Pronti per partire?

Santuari francescani tra Lazio, Umbria e Toscana:

assisi

1. Assisi: dove tutto ebbe inizio

Assisi è il luogo di nascita di San Francesco, uno dei santi più venerati al mondo. La Basilica di San Francesco, costruita nel XIII secolo, è un capolavoro dell’architettura rinascimentale. La storia racconta che Francesco abbracciò la povertà e l’amore per la natura, iniziando la sua predicazione proprio dalla sua città natale.

La Basilica di San Francesco d’Assisi di divide in Superiore ed Inferiore. Nella Basilica Superiore si possono ammirare gli affreschi di Giotto che girano tutto intorno per narrare la vita e le opere del Santo. Da qui, tramite una scala, si può visitare il chiostro del convento annesso dal quale si accede anche allo splendido Museo, gratuito, ma spettacolare dove sono esposte numerose reliquie, paramenti, oggetti liturgici, opere d’arte e molto altro.

Nella Basilica Inferiore, dove si celebrano ancora oggi numerose Messe, oltre ammirare gli spettacolari soffitti affrescati, si può sostare per una preghiera personale o accostarsi alla confessione con i frati che si trovano lì, inoltre, si può scendere nella cripta dove si trova la tomba di San Francesco e dei suoi primi frati.

Cosa Vedere:

  • Gli affreschi di Giotto nella Basilica Superiore
  • La Cripta di San Francesco, luogo di sepoltura del Santo
  • Il Chiostro di San Francesco, un’oasi di pace
  • Il Museo

Indirizzo: Basilica di San Francesco, Piazza San Francesco, 2, 06081 Assisi PG, Italia.

Orari: la Basilica Superiore è aperta dalle 8:30 alle 17:45, la Basilica Inferiore è aperta dalle 6:00 alle 18:30, il mercoledì fino alle 18:00 e il sabato fino alle 19:00. La Tomba di San Francesco è visitabile dalle 6:00 alle 18:00. Non è necessaria prenotazione. Ingresso gratuito.

Info: per visite guidate, orari delle celebrazioni, informazioni per pellegrini e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://www.sanfrancescoassisi.org/html/ita/index.php

2. La Verna: tra cielo e terra

Nascosto tra le pieghe dell’Appennino toscano, il Santuario della Verna si erge come un luogo sacro intriso di spiritualità e misticismo. Questo angolo di paradiso, situato nella località La Verna, a Chiusi della Verna, è stato testimone di uno degli eventi più straordinari della vita di San Francesco d’Assisi: la ricezione delle stimmate.

La storia della Verna è legata a un momento di profonda intimità tra San Francesco e la natura circostante. Nel 1224, durante un periodo di meditazione solitaria, San Francesco fu graziato ricevendo le stimmate, i segni dei chiodi della crocifissione di Cristo. La storia narra che un cherubino alato, circondato da una luce divina, apparve a Francesco portando con sé il dono mistico delle stimmate.

Il santuario, costruito nel XV secolo, si erge su una serie di terrazze rocciose immerse in un fitto bosco di faggi e abeti. La Verna, chiamata anche “La Foresta Sacra”, emana una sensazione di sacralità e tranquillità, avvolgendo i visitatori con un’atmosfera mistica che sembra dissolversi tra le fronde degli alberi.

Cosa Vedere:

  • La Cappella delle Stimmate, questo piccolo edificio di pietra, situato nel cuore del complesso, è il luogo in cui San Francesco sperimentò il miracolo delle stimmate. Gli affreschi al suo interno narrano questo straordinario evento, e la quiete che pervade l’ambiente invita alla riflessione su questo miracolo
  • Il Chiostro della Pellegrina, un tesoro nascosto, questo chiostro offre un’oasi di pace con i suoi archi gotici e i giardini che si aprono sulla valle sottostante. È il luogo ideale per una pausa contemplativa
  • I sentieri panoramici, La Verna è circondata da sentieri che conducono a vedute panoramiche mozzafiato. Tra i boschi secolari e le radure verdeggianti, i visitatori possono esplorare la natura incontaminata che circonda il santuario

Indirizzo: Santuario della Verna, Località La Verna, 52010 Chiusi della Verna AR, Italia.

Orari: Aperto tutti i giorni dalle 6:30 alle 19:00, fino alle 21:30 in estate. La Cappella delle Stimmate è aperta dalle 7:30 alle 18:00 (19:00 in estate).

Info: per visite, orari delle celebrazioni e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://www.laverna.it/

santuario di greccio

3. Greccio: dove nacque il presepe vivente

La storia di Greccio è strettamente legata alla figura carismatica di San Francesco, noto per il suo amore per la natura e la sua profonda spiritualità. La tradizione narra che Francesco, desideroso di rendere più tangibile e comprensibile il significato del Natale, nel 1223 ebbe l’illuminante idea di realizzare una rappresentazione vivente della Natività, coinvolgendo gli abitanti del luogo.

La Grotta del Presepe e la Magia dell’Evento

Il 24 dicembre del 1223, nel buio della notte, San Francesco radunò la comunità di Greccio nella grotta sottostante il convento di San Nicola. Lì, con l’aiuto di contadini e pastori, creò una scena unica: un presepe vivente. Asini, pecore, e persino una vera mangiatoia furono utilizzati per ricreare la scena della Natività.

Cosa Vedere:

  • La Grotta del Presepe, fedele alla descrizione originale di San Francesco
  • Il Convento francescano adiacente, con chiostri e cortili silenziosi
  • Il Museo del Presepe, che conserva antiche rappresentazioni natalizie

Indirizzo: Santuario di Greccio, Via Santuario di Greccio, 02040 Greccio RI, Italia.

Orari: Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00, fino alle 19:00 d’estate. Non è necessaria prenotazione ed è gratuito.

Info: per visite guidate, orari delle celebrazioni e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://www.santuarivallesanta.com/santuari/greccio/

assisi

4. Rivotorto: il rifugio della semplicità

Nella tranquilla pianura umbra, all’ombra del borgo medievale di Assisi, dove la bellezza della natura si intreccia con la spiritualità francescana, sorge Rivotorto, un luogo umile ma ricco di significato nella storia di San Francesco d’Assisi.

Rivotorto, situato proprio sotto il borgo di Assisi, fu il rifugio scelto da San Francesco e dai suoi primi seguaci all’inizio del XIII secolo. Il nome “Rivotorto” deriva dal nome del ruscello che scorreva affianco al rifugio dove viveva il Santo con i suoi frati.

All’interno dell’attuale chiesa si può ammirare al centro il sacro tugurio, la casa povera con appena qualche mattone e un tetto dove San Francesco e primi frati vivevano, in povertà, umiltà e contemplazione.

Questo luogo modesto divenne il simbolo dell’umiltà e della povertà insegnate da San Francesco. Qui, il Santo e i suoi seguaci condividevano la vita quotidiana, sperimentando la fraternità, la preghiera e il lavoro manuale.

Indirizzo: Santuario di Rivotorto, Via di Rivotorto, 06081 Assisi PG, Italia.

Orari: Aperto tutti i giorni dalle 7:00 alle 19:30. Non è necessaria prenotazione. L’ingresso è gratuito.

Info: per visite guidate, orari delle celebrazioni, informazioni per pellegrini e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://santuariorivotortoassisi.org/

santuario di fonte colombo

5. Fonte Colombo: nella quiete dei boschi

Questo santuario, situato nelle colline intorno a Rieti, è il luogo dove San Francesco, insieme qualche suo compagno, tra cui Fra Leone, soggiornò durante i suoi viaggi. In questo luogo però successe qualcosa che cambiò la storia: San Francesco qui, dopo aver passato molti giorni in isolamento e preghiera in una grotta, scrisse la Regola dei Frati Minori, che lo portò poi a regolarizzare il suo ordine grazie a Papa Innocenzo III.

La grotta, insieme alla piccola grotta dove si dice dormiva Fra Leone, sono ancora visitabili e molto suggestive. La piccola chiesa semplice ed umile, come proprio il santo era, con convento annesso invece è il posto perfetto per ritirarsi in contemplazione e preghiera.

Cosa Vedere:

  • Chiesa e il chiostro del convento
  • Via Crucis con affaccio sulla valle reatina
  • Il Sacro Speco
  • La grotta di Frate Leone
  • Cappella della Maddalena
  • La fonte

Indirizzo: Santuario di Fonte Colombo, Via Fonte Colombo, 02020 Rieti RI, Italia.

Orari: Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00.

Info: per visite, orari delle celebrazioni e delle preghiere, informazioni per pellegrini e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://www.santuarivallesanta.com/santuari/fonte-colombo/

statua san francesco a san damiano

6. Santuario di San Damiano:

Il Santuario di San Damiano è un luogo sacro situato nei pressi di Assisi noto per la sua importanza storica e spirituale legata a San Francesco d’Assisi. La sua storia risale al XIII secolo, quando il Santo ricevette la chiamata divina mentre pregava in questa piccola chiesa in rovina.

Il 24 febbraio del 1208, San Francesco, in un momento di profonda preghiera davanti al crocifisso di San Damiano, udì la voce di Cristo che gli chiese di “ricostruire la mia chiesa”. Questo evento segnò l’inizio della missione di San Francesco e l’inizio dell’Ordine Francescano. Il santuario, divenuto un luogo simbolico per il movimento francescano ma anche per l’Ordine delle Clarisse, qui fondato da Santa Chiara, dove visse e morì insieme alle sue consorelle è stato successivamente restaurato ma conserva ancora oggi un fascino antico.

Il Santuario di San Damiano attira numerosi pellegrini e visitatori ogni anno, desiderosi di immergersi nella spiritualità francescana e di rivivere quei momenti che hanno segnato la vita di San Francesco. La chiesa, con le sue semplici ma suggestive strutture, trasmette un senso di pace e serenità, creando un’atmosfera ideale per la preghiera e la riflessione.

Cosa Vedere:

  • La Chiesa
  • Il chiostro
  • Il dormitorio

Indirizzo: Santuario di San Damiano, Via San Damiano 7, 06081 Assisi PG, Italia. L’entrata è gratuita e non necessita prenotazione.

Info: per visite guidate, orari delle celebrazioni e delle preghiere, informazioni per pellegrini e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://www.santuariosandamiano.org/

7. Santuario della Foresta:

Immerso nella fitta foresta di Rieti, questo santuario offre una fuga spirituale dalla frenesia quotidiana. San Francesco vi si recò appunto per ritirarsi lontano dalle folle in preghiera prima della sua operazione agli occhi. La storia narra che però i numerosi seguaci di San Francesco desideravano talmente tanto ascoltare le sue orazioni che lo seguirono fin lì. Arrivati alla chiesette allora dedicata a San Fabiano e custodita da un sacerdote, la folla smangiucchiò dall’orto della chiesa tutta l’uva. Però, la storia racconta che proprio grazie alla provvidenziale presenta di Francesco, quell’anno la vigna produsse il doppio del vino.

Una curiosità: si dice che in questo santuario Francesco scrisse alcune parti del Cantico delle Creature.

Cosa Vedere:

  • La Chiesa della Foresta
  • La Domus, dove soggiorno il santo
  • Il chiostro

Indirizzo: Santuario della Foresta, Via Foresta 30, 02020 Rieti RI, Italia.

Orari: Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:30 alle 18:30

Info: per visite, orari delle celebrazioni e delle preghiere, informazioni per pellegrini e per altre informazioni visita il sito ufficiale: https://www.santuarivallesanta.com/santuari/la-foresta/