birdwatching

Birdwatching nel Lazio: un’avventura tra piume e natura

Stanco della routine quotidiana? Vorresti immergerti in un mondo di ali vibranti, piume colorate e canti melodiosi? Il birdwatching potrebbe essere l’esperienza che state cercando. Cos’è il birdwatching? Il birdwatching va ben oltre l’osservazione passiva dell’avifauna. È un’attività che coinvolge tutti i sensi, dalla vista all’udito, portandovi a contatto con la bellezza selvaggia del mondo alato. Si tratta, più che di un semplice hobby, di uno stile di vita che stimola la curiosità, l’osservazione attenta e la consapevolezza ambientale. Ogni incontro con una specie diventa un’opportunità di apprendimento, contribuendo a costruire un legame più profondo con la natura. Attrezzature necessarie per il birdwatching Cosa bisogna portare con sé durante un’uscita di birdwatching? Consigli di sicurezza Come prepararsi Prima di uscire per una sessione di birdwatching puoi prepararsi informandoti sulle specie locali, così da non perdere nessun avvistamento e sapere cosa e dove cercare. Può essere d’aiuto, oltre che molto divertente, unirsi a gruppi locali e partecipare alle escursioni con esperti ti permetterà di imparare e condividere questo hobby con altri appassionati. Dove fare birdwatching nel Lazio? Il Lazio è ricco di luoghi perfetti per il birdwatching, questa regione, infatti, possiede tutti i tipi di paesaggio: dalla montagna, al mare, alla palude, al fiume, al lago, alla campagna… Qualche destinazione per il birdwatching nel Lazio e cosa è possibile avvistare: Questi sono solo pochissimi tra le numerose destinazioni naturali dove poter fare birdwatching nel Lazio, per scoprirle tutte visita il sito ufficiale di Parchi Lazio: https://www.parchilazio.it/ Periodi dell’anno per il birdwatching È un hobby da sperimentare tutto l’anno, ma è importante sapere che in ogni stagione si possono avvistare specie diverse in base ai periodi di nidificazione e migrazione. Spero che questo articolo ti abbia fatto venire voglia di rimboccarti le maniche, prendere il binocolo e prepararti a vivere un’esperienza che vi avvicinerà al cuore della bellezza selvaggia. Buon birdwatching!

Birdwatching nel Lazio: un’avventura tra piume e natura Leggi tutto »

fiume tevere nel parco di nazzano tevere farfa

Nazzano Tevere-Farfa: trekking, birdwatching e relax

Un’oasi per rilassarsi godendosi una passeggiata lungo il fiume, quella di Nazzano Tevere-Farfa è la prima riserva naturale regionale d’Italia e si trova nella lista delle zone umide d’importanza internazionale. Si trova tra i comuni di i comuni di Nazzano, Torrita Tiberina e Montopoli di Sabina, tra Roma e Rieti. Questa riserva è di particolare interesse in ambito naturalistico ed è infatti protetta dalla Convenzione di Ramsar. Al suo interno nidificano diverse specie e l’avifauna, presente tutto l’anno, aumenta esponenzialmente durante i periodi migratori, qui infatti si fermano a nidificare o a riposare moltissime specie migratorie, anche molto rare, come l’airone rosso. Tra le specie più frequenti da avvistare ci sono l’airone bianco maggiore, l’airone cenerino, la garzetta, il germano reale, l’alzavola, il fischione, la folaga, la moretta, lo svasso, la gallinella d’acqua, il martin pescatore, il cormorano, il tarabuso, il cigno, e molte altre spicie di palude e lacustri. E si è più fortunati – e pazienti – si possono avvistare il cavaliere d’Italia, il falco pescatore e il falco di palude, la spatola e l’airone rosso.   Cosa fare nella riserva di Nazzano Tevere-Farfa? Trekking, corsa e camminata nordica Ami lo sport? Lungo il sentiero della riserva puoi correre, camminare o passeggiare godendoti la pace della natura che ti circonda. Mountain bike Se ti piace andare in bici il sentiero del Fiume è perfetto per divertirsi in mountain bike. Birdwatching La grande quantità di specie autoctone e migratorie presenti tutti l’anno nella riserva è il regno dei birdwatcher e di chiunque ama osservare specie selvatiche nel loro habitat naturale. Lungo il percorso si trovano anche delle casetta di avvistamento perfette per fermarsi ad osservare aironi, garzette, svassi e tutte le specie che vivono in questo luogo magico. Un giro sul battello Sapevi che nella Riserva di Nazzano Tevere-Farfa puoi fare un giro sul battello lungo il fiume. Un’esperienza divertente per tutta la famiglia! Fotografia naturalistica Il tuo hobby è la fotografia? Nella riserva troverai bellissimi scorci, paesaggi selvaggi, fiori, piante e fauna da fotografare tutto l’anno. Picnic Lungo il sentiero troverai dei tavoli con delle panche dove puoi fermarti a mangiare un panino oppure puoi mangiare qualcosa nel ristorante che si trova nella riserva e pranzare contornato dal canto degli uccelli e delle cicale. Previous image Next image Sai quali sono i pericoli da cui proteggersi in primavera/estate? Leggi il nostro articolo: Primavera estate: precauzioni per viaggiatori Leggi ora Come arrivare alla riserva di Nazzano Tevere-Farfa? Per arrivare alla riserva da Roma in auto puoi percorre la E35 fino a Fiano Romano, poi prendere la Diramazione Salaria SS4 ed uscire a Via Procoio, proseguire tutta la via e la successiva Strada Provinciale 20b fino a Meana. Uscire a destra seguendo il segnale della riserva. All’interno della riserva si trova anche un ampio parcheggio gratuito. Informazioni utili La riserva è aperta dall’alba al tramonto tutti i giorni.  Ricorda di rispettare sempre le norme e le regolamentazioni del parco. Per informazioni visita il sito: https://www.parchilazio.it/nazzanoteverefarfa Scopri il lazio Scopri tutti i nostri luoghi preferiti per un un giorno fuori porta nel Lazio. Zaino in spalla!

Nazzano Tevere-Farfa: trekking, birdwatching e relax Leggi tutto »